Sai di essere un/una bartender quando…
Lavorare come bartender ci fa scoprire un sacco di cose su noi stessi e sulle nostre capacità relazionali, ma penso che di questo si sia già parlato su questo blog. Ciò che forse non è stato detto ancora abbastanza, è quanto questo tipo di lavoro può influire nel cambiare i nostri punti di vista, parlando in modo generale. Le frasi che troverete di seguito vi suoneranno familiari, se avete già lavorato in un bar;

…quando in una serata in un locale, ti sentirai dispiaciuto/a per i barman che stanno lavorando.
Ti ricordi com’era prima di iniziare a lavorare come bartender e ti ritrovavi in mezzo alla folla per essere servito? Chissà quante volte hai pensato o detto queste cose: “ehi,ma sta servendo tutti quelli che sono arrivati dopo di me”, “quanto dovrò aspettare per essere servito?”, “Oh, ma allora mi sta ignorando di proposito!”

Bene! Adesso che sai cosa significa stare dall’altra parte del bancone, probabilmente penserai “ questa tipa non si ferma un attimo”, “sta cercando di servire tutti quanti più veloce che può” e addirittura “voglio davvero lasciare una mancia!” Perchè solo dopo aver lavorato dietro il bar, potrai capire che non è così semplice ricordare chi era arrivato prima e – soprattutto – avrai più chiaro che tutti abbiamo solo due mani!

…quando non ordinerai più drink e alcolici meno cari , solo per risparmiare qualcosa.
Indeed, after you’ve been fully trained in the art of crafting perfect drinks and delicious cocktails, you’ll never want to settle for house spirits and Al contrario, dopo aver ricevuto una buona preparazione sull’arte di creare un ottimo cocktail o il drink perfetto, non avrai più nessuna intenzione di accontentarti alla meno peggio con liquori e mixer scadenti.

Con EBS ho imparato a fare i cocktail classici e i drink contemporanei con assoluta precisione; prima di tutto versando le dosi precise e costruendo il drink con la giusta tecnica e, infine, dando il giusto tocco in più, sia per l’estetica che per l’aroma, con la guarnizione più appropriata. Credetemi, dopo un training di 4 settimane, il whisky del discount, con due gocce di coca cola servito in un bicchiere di plastica, non fa più per me.

bartender at work

…quando tornerai a casa, dopo il lavoro, e ti i ritroverai a versare in modo professionale qualsiasi tipo di liquido.
Esatto… Proprio così; in automatico “verserai” il ketchup, il bagnoschiuma, l’ammormidente ed – ovviamente – anche il latte sulla tazza dei cereali alla mattina. Alcune abitudini sono davvero difficili da togliere, ed una volta che avrai imparato a versare i liquori nei bicchieri, stai certo/a certi che continuerai a farlo anche a casa – e almeno farai fare qualche risata ai tuoi coinquilini!

…quando diventerai una sorta di istruttore, al momento dell’ordinazione di un drink
Da questo momento in poi, in silenzio, giudicherai ogni cocktail che prenderai e mediterai su come potrebbe essere migliorato; “mmm…un pò troppo zucchero in questo mojito” e “no…non è stato shakerato per come si deve”. Ma non temete, più si beve e meno si nota lo squilibrio tra tequila e succo di lime nel nostro Margarita.

…quando ti troverai a “flirtare” inconsapevolmente.
Lavorare dietro al bancone significa anche apparire pieni di sè, sicuri, simpatici e affascinanti – che in altre parole serve per intrattenere i clienti e, quindi, per “flirtare” con tutti per la maggior parte del tempo. Il problema si presenta, quando dimentichi di disattivare la modalità “flirt” , alla fine del tuo turno…

Per fortuna, nella maggior parte dei casi questa abitudine sarà un vantaggio , ma ogni tanto può capitare che ti ritrovi a chiacchierare allegramente con una tipa, proprio nel momento in cui arriva il suo alto e robusto ragazzo, con i muscoli in bella vista. E anche in questo caso, fortunatamente, in quanto bartender hai sviluppato “la virtù della chiacchiera” e quindi puoi tirarti fuori da qualsiasi impiccio con estrema facilità.

…quando la tua capacità di calcolo è uguale a un registratore di cassa
Dopo qualche settimana, o anche qualche giorno, di lavoro in un bar noterai che non ci sarà più bisogno di controllare nella cassa l’importo del resto da dare ai clienti; lo farai in automatico in un paio di secondi! Davvero, le tue capacità di calcolo miglioreranno velocemente dietro al bancone di un bar, più di quanto sia mai successo dietro il banco di scuola. Se esistesse una legge per obbligare tutti quanti a fare almeno un mese di bartendending, ci sarebbero un sacco di matematici in giro.

…quando ti renderai conto che diventare bartender è stata la migliore decisione mai presa
In quale lavoro hai la possibilità di alzarti tardi, divertirti e flirtare con i colleghi e i clienti, ascoltando le hit del momento e bevendo ogni tanto ( solo un pochino) ? Se hai già lavorato in ufficio con lo stress 9:00/17.00 o hai dovuto sgobbare fuori sotto la pioggia o con il caldo asfissiante, non troverai mai le parole adeguate per dire quanto sia bello lavorare dietro al bancone di un bar.

Essere bartender significa avere molti amici, sviluppare capacità dal valore incalcolabile e crearsi uno stile di vita unico, dove il tempo libero (che sia il giorno libero sulla spiaggia o una serata senza turno nel proprio locale), la vita sociale e l’attività lavorativa diventano un tutt’uno; avrai sempre una storia divertente da raccontare e farai l’abitudine a portarti a casa numeri di telefono scarabbocchiati al volo su un tovagliolo – cosa si potrebbe volere di più?

Diventare bartender è un modo fantastico per fare amicizia, sviluppare la propria autostima, guadagnare una paga decente e creare continuamente ricordi indelebili. Se stai leggendo e non sei ancora un/una bartender, forse dovresti scoprire se questa è la carriera che può fare al tuo caso.